Stemma Comune di Salerano
Comune Salerano Canavese

 

La Villa è appartenuta alla famiglia patrizia degli Sclopis, la quale nel corso dell'800 ha espresso insigni personaggi: il conte Federico Sclopis di Salerano, Ministro della Giustizia negli anni 1850/70 e presidente della Regia Accademia delle Scienze di Torino, il quale scrisse testi di giurisprudenza fondamentali e di Vittorio Sclopis, che all'inizio del 900 pubblicò una storia delle miniere e della mineralogia della Val Chiusella.
Il nucleo edilizio originario è costituito da una villa settecentesca a 2 piani fuori terra e parziale interrato, con un portico carrozzabile davanti all'ingresso, da una dependance per il custode a 2 piani fuori terra e da una cappella privata.
Gli interni sono in stile piuttosto sobrio, con pochi e modesti elementi decorativi di stile rococò.
La villa passò di mano tra le 2 guerre: venne acquistata dalla famiglia Iavero a cui si deve attribuire un piccolo ampliamento di 2 piani sul lato Nord Ovest.
Questa la cedette dopo la seconda guerra mondiale all'industriale Adriano Olivetti che la donò all'Ente assistenziale ENAOLI che ne fece una struttura di accoglienza per piccole orfane.
Contestualmente con la donazione si costruì un corpo di collegamento con la casa del custode, con colonne e balconi sul lato dell'ingresso, per cui ne risulta un insieme piuttosto disarmonico per la diversità di stili e materiali.
Sulla facciata principale della cappella è fissata una lapide che riporta la seguente scritta:
 
SACELLUM HOC
S. JOSEPHO DICATUM
A.D. MDCCLXXV
ALOIS. MORENO EPORED. EPISC.
PASTORAL. VISIT.
A.D.MDCCCXLII
 
Il primo millesimo corrisponde, verosimilmente all'anno di costruzione della cappella e dei fabbricati originari
La costruzione poggia sulla sommità di una collina, presso il ciglio della scarpata Sud Ovest, gran parte della quale è occupata da uno splendido parco secolare.
Sul lato opposto del parco rispetto alla villa sorge una torre medioevale con alcune pertinenze rurali non in uso.
Le scarpate ed il terreno non a parco sono tenute a prato; sono presenti alcuni albero da frutto (meli e ciliegi) ed essenze spontanee (nocciolo ed acacia).
La villa sede - fino all'inizio del 2000 - del Centro di Formazione Professionale per le Tecnologie Informatiche Carlo Ghiglieno, è, a cura dell'Associazione ONLUS Casa Insieme, oggetto di lavori di adeguamento finalizzati ad ospitare prossimamente un hospice per malati oncologici terminali e pazienti affetti dal morbo di Alzhaimer

IMAGE VILLA SCLOPIS
Venerdì, 06 Settembre 2019
  La Villa è appartenuta alla famiglia patrizia degli Sclopis, la quale nel corso dell'800 ha espresso insigni personaggi: il conte Federico... Leggi tutto...
IMAGE LA TORRE MEDIOEVALE
Venerdì, 06 Settembre 2019
Su una piccola altura, quasi a dominare l'unica piazza del paese, si erge una torre quadrata, di epoca medioevale di cui, ancora una volta mancano... Leggi tutto...
IMAGE SANT' URBANO
Venerdì, 06 Settembre 2019
Nel diploma consegnato nel 999 da Ottone III a favore della chiesa di Vercelli il nostro paese è detto Salerana che divenne Signoria dei Gotti di... Leggi tutto...
IMAGE LA CHIESA PARROCCHIALE
Venerdì, 06 Settembre 2019
L'erezione a Parrocchia di Salerano risale solo al 1944; dipendeva prima da quella di Banchette il cui parroco veniva fino nel nostro paese a... Leggi tutto...
GLI AFFRESCHI DI VIA SCLOPIS
Venerdì, 06 Settembre 2019
Nella fiancata che si affaccia su Via Sclopis inoltre sono stati riportati alla luce grazie ad interventi di tipo conservativo, due affreschi... Leggi tutto...

amministr trasp

Pubblicazioni su Albo Pretorio digitale

delibere ord ind pol

delibere ord ind pol

PagoPa

Sportello on line

delibere ord ind pol

PRG

delibere ord ind pol

inquinamento

logoANUTELweb

Collegamento al sito dei servizi In.Re.Te

delibere ord ind pol

REGIONE PIEMONTE
Città metropolitana di Torino

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.