Stemma Comune di Salerano
Comune Salerano Canavese
Nel diploma consegnato nel 999 da Ottone III a favore della chiesa di Vercelli il nostro paese è detto Salerana che divenne Signoria dei Gotti di Cherasco, la cui famiglia si estinse nel 1786; nel 1787 divenne contado degli Scolopi.
Sul suo territorio si erge un rilievo collinare dioritico detto colle di Sant'Urbano al quale si accede per mezzo di una strada sterrata. Sulla sua sommita' sorge l'omonimo complesso di Sant'Urbano costituita dalla cappella della Madonna della neve, dalla Torre Medievale di Sant'Urbano e dal Romitorio.
La Torre circolare di stile preromanico - carolingio è quanto rimane del castello medioevale costruito intorno al mille, nel luogo dove esisteva gia' una comunita' di Monaci Ambrosiani acquistato nel 1142 dalla Citta' di Ivrea per poi farne omaggio nel 1181 al comune di Vercelli.
Piu'che di Castello, date le dimensioni ridotte, si puo' supporre si trattasse semplicemente di un posto di segnalazione per tenere d'occhio la piana di Ivrea. La torre in origine aveva funzione di vedetta, annessa al sovracitato complesso di castello-rocca. In seguito alla distruzione di quest'ultimo a ridosso delle poche rovine è eretta una chiesa; la torre da questo momento ha funzione di torre campanaria. A base circolare essa originariamente presentava una copertura a volta di cupola, in mattoni pieni e calce, alla sommita' della quale si accedeva mediante una scala di legno interna, ancorata al muro. La sommita' della torre in origine era completata da una corona di merli ridotti a due con l'incedere del tempo. La Torre si pregia di una maestosa incorniciatura alla sommita' alta circa due metri. La struttura portante è costituita principalmente da muratura di pietrame scaglie di varia pezzatura e calce, alternata da due legamenti circolari simmetrici, costituiti da mattoni pieni. Essa ora è inaccessibile perché le aperture sono state murate, la struttura rinforzata esternamente mediante cinture di ferro che ne contengono l'intera circonferenza; la sua copertura è stata reinventata utilizzando coppi ed eliminando anche i due merli superstiti dei secoli scorsi su cui poggiava la campana.
Il suo possesso da parte di Vercelli fu causa di secolari rivalità'. Ogni decennio i Signori di Mercenasco e Valperga prima, e dei Consoli di Ivrea poi dovevano prestare giuramento di fedeltà' a Vercelli. Il maniero venne distrutto molto probabilmente nel periodo del tuchinaggio verso la fine del secolo XIV; di questo si salvò solo la torre che subì poi alcuni restauri.
Poco invece si sa della Torre nei secoli successivi, tranne che sicuramente fu adibita a torre campanaria probabilmente nel 1200, epoca in cui verrà eretta la contigua chiesa.
Un'accurata ricerca condotta presso l'archivio comunale ha però permesso la ricostruzione delle vicende che ne hanno originato l'aspetto attuale. Nella visita pastorale del 1730 si precisa che la suddetta casa dell'eremita è distribuita su sei stanze, di cui due adibite a cucina e camera e le altre a magazzino, deposito e cantina.
Restaurata nel 1935 , essa non subì' altre opere di restauro fino al 1987, dopo un ventennio scandito da una fitta corrispondenza con l'allora Soprintendenza ai Monumenti del Piemonte e con il Genio Civile, che dichiaro' la Torre pericolante nel settembre del 1961 invitando a soprassedere al suono delle campane.
Nel luglio del 1976, inoltre, un fulmine provocò gravi lesioni alla torre, richiamando l'attenzione della Soprintendenza che, a seguito di sopralluogo, constato' il valore storico-artistico ed altresì' paesaggistico, rilevando la necessita' di provvedere con opportuna opera di consolidamento e di restauro.
Della Chiesa si hanno notizie di una prima realizzazione intorno al 1200 in onore di Sant'Urbano Papa. Ma è solo nel 1600 che si parla della erezione di una chiesetta dedicata alla Madonna delle Nevi "... per voto e dalla popolazione su proprietà comunale...." come attesta una lettera al Pretore di Ivrea datata 1931.
Le prime notizie della Chiesa si hanno grazie ad una sommaria descrizione contenuta in una relazione presentata dal Monsignor Asinai nel 1652. In essa si dice: "In luogo alto et claro ai confini di Banchette, Samone e Salerano, fu costruita questa cappella sotto il titolo di Sant'Urbano Papa".
La Chiesetta è ancora il fulcro della dedizione nel 1699 quando è visitata da Monsignor Le Sorier che la descrive minuziosamente rivelando che la chiesetta, con la facciata rivolta verso mattina ha un'unica navata lunga 14 passi , larga 8. E lo rimane anche quando nel 1788 Salerano entra a far parte della Parrocchia di Banchette, epoca in cui viene rinominata Chiesa di San Defendente. Essa viene definitivamente posta in secondo piano quando nel 1844 fu eretta la Chiesa Parrocchiale.
A partire dal Settecento, nella Chiesa vengono celebrate le messe solo in rare circostanze; viene amministrata da monaci eremiti che alloggiano nel romitorio posto tra la Chiesa e la Torre.
Sono questi i passaggi storici maggiormente significativi e caratterizzanti del cmplesso di Sant'Urbano.
Oggi, fortunatamente, per questo complesso che ha versato per lungo tempo in un grave stato di degrado, colmo di calcinacci e polvere, è stato avviato il progetto di restauro e risanamento conservativo.
 
IMAGE VILLA SCLOPIS
Venerdì, 06 Settembre 2019
  La Villa è appartenuta alla famiglia patrizia degli Sclopis, la quale nel corso dell'800 ha espresso insigni personaggi: il conte Federico... Leggi tutto...
IMAGE LA TORRE MEDIOEVALE
Venerdì, 06 Settembre 2019
Su una piccola altura, quasi a dominare l'unica piazza del paese, si erge una torre quadrata, di epoca medioevale di cui, ancora una volta mancano... Leggi tutto...
IMAGE SANT' URBANO
Venerdì, 06 Settembre 2019
Nel diploma consegnato nel 999 da Ottone III a favore della chiesa di Vercelli il nostro paese è detto Salerana che divenne Signoria dei Gotti di... Leggi tutto...
IMAGE LA CHIESA PARROCCHIALE
Venerdì, 06 Settembre 2019
L'erezione a Parrocchia di Salerano risale solo al 1944; dipendeva prima da quella di Banchette il cui parroco veniva fino nel nostro paese a... Leggi tutto...
GLI AFFRESCHI DI VIA SCLOPIS
Venerdì, 06 Settembre 2019
Nella fiancata che si affaccia su Via Sclopis inoltre sono stati riportati alla luce grazie ad interventi di tipo conservativo, due affreschi... Leggi tutto...

amministr trasp

Pubblicazioni su Albo Pretorio digitale

delibere ord ind pol

delibere ord ind pol

PagoPa

Sportello on line

delibere ord ind pol

PRG

delibere ord ind pol

inquinamento

logoANUTELweb

Collegamento al sito dei servizi In.Re.Te

delibere ord ind pol

REGIONE PIEMONTE
Città metropolitana di Torino

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.